Monthly Archives: maggio 2014

image_pdfimage_print

La pazienza ( e la calma), virtù dei forti !

C’è voluta tanta, tanta pazienza ma domenica sera credo che eravamo tutti stanchissimi ma molto , molto soddisfatti della riuscita della regata Zonale Laser e Bug , Trofei Pinolini e Manzotti e memorial Giacomo Taravella.

Bravissimi tutti i ns. ragazzi/e, con particolari grandi prove di Alberto Montorsi, Maddy Mercuriali ( al debutto in Laser) Rachele, Giulia e Jacopo nei Bug ma bravi , come sempre anche tutti gli altri , Bianca ( sempre coriacea), Matilde ( che vorrei più “concreta”), Roby che debuttava in regata con il Radial e che ha regatato molto bene per il 70% della regata, Maxim , anche lui all’esordio, l’immenso Ricky Bertazzoli, che quasi quasi faceva il bis dell’anno scorso, Il Vibo che se non litiga con i giudici sarebbe anche meglio, Fulvio che ben suppliva all’assenza del fratello Fili ( ma dove è andato ?), Marco Locati “evergreen”, il Presidente, Lui sempre all’attacco e, per una volta “ultimo”, ma solo nell’elenco, Mattia per cui , se arriva “solo” a podio, ci chiediamo se non abbia avuto qualche problema o se non stesse troppo bene.  Tutti bravissimi !!! E pensare che avevamo una squadra “decimata” per svariati motivi.

Ma questa volta voglio scrivere di due diverse situazioni : dire grazie a tutti gli animatori del circolo, che hanno, ancora una volta fatto fare al CVI una splendida figura, a partire dagli “Angeli” e dall’Emilio che, insieme all’insostituibile “Migross”, durante la settimana  avevano preparato tutti i materiali necessari, al Luciano eccezionale uomo d’ordine , alle signore della cucina Lena Ilva ed Alba, alle letteralmente inesauribili Michi, Laura, Daniela, Helena, Cristiana ed Angela, a Diego e Micaela new entries in questa “pattuglia di esagitati”, a Pietro Renzo, Vincenzo e Bobo  per la bravura e la pazienza nell’aiutare il Comitato di Regata a gestire una situazione che definire complessa è un eufemismo, al Max che, seppur menomato alla spalla, è stato presente ed impavido come Franz Beckenbauer nell’epica partita Italia -Germania di Mexico 70, e grazie a tutti coloro che hanno dato una mano e di cui ora mi sto dimenticando di citare; grazie veramente grazie per quello che avete fatto e dimostrato con quale passione si vive la vela al CVI.

In secondo luogo voglio ricordare le tre splendide persone a cui si intitola questo nostro evento con qualche “istantanea”: da Osvaldo Manzotti, autentico signore nella vita e della Vela,  sportivissimo rivale con il suo rosso Pierrot “Stormvogel” e con il fido Paolone Brovelli sempre al suo fianco , e noi con il ns Ziggurat “Mustafà” a lottare nelle notti delle regate “lunghe”, noi a tentare di scappare e Lui, forte di un rating ben favorevole, a controllarci e limitare il tempo del distacco per poi ( solo talvolta, per ns. fortuna) riuscire a batterci in compensato. A “Pinuccio” Pinolini, Laserista doc con il suo “Mister Fix” ma anche lui compagno di regate sui cabinati, mio randista a bordo del DB1 threequarter ton ( 34 piedi) “Chissàperchè”, di cui ricordo, in particolare, la notte di una “Crociera del Nostromo” allorquando attaccammo grazie ad un bel rinforzo da Nord  e, limitando il distacco in tempo reale dall’Impala 40 “Ariete” timonato da Karl Heinz Schrader e dal Benetti 44 “Wagner”, vincemmo in tempo compensato la regata. In quella notte, “il Pino”, fece un lavoro di “sail Trimmer ” fantastico ed il “Chissàperche” letteralmente volò sull’acqua tenendo testa alle due rivali molto più grandi . Ed infine un ricordo di Giacomo, fantastico ragazzo , sinceramente appassionato di vela, sulle orme di suo padre e suo zio, con la sua camminata particolare e la sua originale capigliatura, già componente di una  nascente squadra Laser Radial che faceva ben presagire per il futuro. Poche  ma ben distinte immagini che definiscono belle sensazioni, piacevoli ricordi inscindibilmente legate alle Loro persone, tutte protagoniste, anche con il CVI a far da scenografia, di un bel tragitto del nostro percorso .

image_pdfimage_print

Fantastico avvio di stagione della squadra Bug

Nei giorni di Sabato 2 e Domenica 3 Maggio 2104 si è tenuto a Livorno il XXXI Trofeo Accademia Navale.

Un appuntamento ormai consueto per gli atleti del nostro Circolo Velico, che da tre anni a questa parte partecipano all’evento con grande entusiasmo.

Una regata speciale che dal 1984 è diventata, senza dubbio, una delle più attese manifestazioni dell’anno e che riesce ogni volta a combinare la grande tradizione marinaresca dell’Accademia a quei valori sportivi e solidali (grande supporto ad associazioni di volontariato e regate per disabili) che non devono essere trascurati e che crediamo abbiano coinvolto i nostri ragazzi sia sotto l’aspetto agonistico, ma anche per quanto riguarda quello formativo.

Un GRAZIE sentito va agli organizzatori tra cui l’Accademia Navale di Livorno e il Circolo Nautico Livorno che ancora una volta hanno deciso di puntare sui Laser Bug, organizzando la prima regata Nazionale di quest’anno.

Il comitato organizzatore ha saputo gestire in modo ottimale la logistica dell’evento e le 6 prove disputate.

Formidabile anche l’accoglienza che ci è stata riservata: voglio infatti sottolineare che mi è stato permesso di utilizzare uno dei loro bellissimi mezzi appoggio per fare assistenza e coaching ai nostri ragazzi.

Unica nota negativa: i pochi partecipanti alla regata, solo 14 (9 bug race e 5 bug standard) in questo caso e tutti provenienti dalla XV zona.

Come già detto, sono state disputate 6 prove su 6 previste distribuite su due giorni di regata, delle regate belle e avvincenti, con un percorso piuttosto corto, ma che si è rivelato essere una scelta azzeccata per poter disputare ben tre prove a giornata e gestire al meglio gli occasionali salti di vento. Anche i ragazzi hanno apprezzato questa decisione del comitato e sono di fatto riusciti a mantenere quasi sempre alta la concentrazione durante le varie prove.

Vento sempre sopra gli 8 nodi, pochissima onda, meteo variabile il primo giorno di regata, decisamente soleggiato il secondo.

Le ultime due prove si sono concluse veleggiando con un bellissimo vento di Maestrale con un clima praticamente estivo.

Veniamo ora ai nostri atleti:

Nei BUG RACE, ottima prestazione di Mattia Garrasi che ha praticamente dominato la regata, vincendo con grande superiorità 5 prove su 6 e il terzo posto che poi è stata “scartato” è frutto di qualche piccolo errore tattico dovuto anche a salti di vento. Ottima velocità di base, buona conduzione di poppa, e grande controllo durante la bolina.

Buona prestazione di Domitilla Masetti, seconda classificata (e prima classificata femminile) che ha iniziato la competizione collezionando ben tre secondi posti, “rischiando” di vincere anche una prova. Meno costante e attenta durante il secondo giorno di regata, ha commesso qualche errore tattico di troppo e alcune situazioni da migliorare, specialmente durante le partenze e i passaggi in boa assieme ad altri avversari.

Chiudono la classifica i due fratelli Cortinovis. Non male Rachele, un po’ sfortunata in alcuni casi e forse poco determinata, in particolare durante il secondo giorno di regata. Voglio comunque sottolineare come, a differenza di quello che dice la classifica, sia sempre “stata in regata”. Rachele, devi riuscire a trovare quella “rabbia” agonistica che ti potrà permettere di ottenere i risultati che meriti.

In nona posizione, infine, il nostro Francesco “Don” Cortinovis che ha alternato numeri di alta scuola come ottime partenze, passaggi in boa da vero agonista e incroci “al limite”, con una velocità di base purtroppo troppo bassa, poca attenzione alle regolazioni e alle manovre, e scarsa lucidità tattica (troppe volte ha cercato il confronto con la sorella piuttosto che con il resto della flotta), facendosi recuperare e superare quasi sempre dagli avversari. Sono sicuro che questo risultato sia frutto del poco allenamento e ciò dovuto alle numerose assenze, principalmente per motivi scolastici.

Ho la certezza che entrambi i fratelli Cortinovis potranno riscattarsi degnamente già dalla prossima regata, conoscendo bene le ottime potenzialità che entrambi hanno.

Per quanto riguarda la classe Bug Standard il nostro giovanissimo alfiere Giovanni “Lord” Masetti, si è letteralmente preso a sportellate per tutta la regata con il bravo Seneca Veronelli dello Yacht Club Como, cedendo il passo soltanto all’ultima prova e terminando la sua regata al secondo posto, ma a pari punti con il primo classificato.

Brava anche la nostra Giulia Mistano, terza classificata, che ha dimostrato una grande costanza di risultati e prestazioni nonché, senz’altro, una maggiore determinazione rispetto allo scorso anno.

A tutti i ragazzi i miei complimenti per le regate disputate e per i buoni risultati.

Sono veramente contento di quello che hanno fatto vedere.

Inoltre mi ha  molto soddisfatto l’ottimo comportamento sia terra che in acqua della squadra durante tutta la durata della trasferta.

Ci vediamo in acqua in occasione della Zonale di Ispra.

ciao e buon vento!

Michele Ponti

Classifica BUG race

Classifica BUG standard

 

image_pdfimage_print