Italia Cup Laser Livorno

Prima regata nazionale in Laser per il nostro socio Alessandro. Ecco il suo resoconto:

La mia attività di agonismo nella squadra del Circolo Velico Canottieri Intra è iniziata questo gennaio, dopo aver comprato la barca ITA 193660 con armo Laser 4.7, nelle acque liguri di Andora. Visto che ero rimasto “a secco” per diversi mesi e non avevo mai provato seriamente a navigare in mare prima, trovarmi nelle condizioni di onda e vento forti è stato piuttosto difficile, ma grazie all’aiuto dell’allenatore Andrea Vibaldi sono riuscito a fare tesoro di questi weekend di allenamento in Liguria imparando molto di come si porta davvero una barca.

Il 7 aprile ho avuto modo di mettermi alla prova alla mia prima zonale Laser a Dervio: tre prove con vento tra i 10 e i 13 nodi in cui sono arrivato 22°, 20° e 15° e ho ottenuto un 21° posto su 33 in classifica generale nella categoria 4.7. Non sono mancati, purtroppo, pasticci ai giri di boa.

Mattia invece è arrivato 11° dopo aver concluso le tre prove con 3/ufd/5 nella categoria Laser Radial.

Dopo la zonale ci sono stati tre giorni di raduno tecnico a Dongo, presso il circolo Marvélia, dove ho conosciuto buona parte della classe Laser della XV zona e ho familiarizzato a lavorare in flotta.

Infine, dal 26 al 28 aprile, in occasione della Settimana Velica Internazionale, si è tenuta a Livorno la terza tappa del circuito Italia Cup a cui ho partecipato come mia prima esperienza nazionale in Laser.

Il primo giorno è iniziato con la partenza alle 15 circa, all’inizio venticello sui 5-8 nodi e onda lunga, che si sono rafforzati sulla serata rendendo più impegnative le prove. Noi 4.7 abbiamo portato a termine le tre prove e mi sono posizionato 42/56/44 nella mia batteria (nella seconda prova ho dovuto scontare una penalità per un contatto con una barca alla boa di poppa); considerando che l’ultima partenza è stata data alle 18.30, la stanchezza aveva iniziato a farsi sentire, aumentata ancora dalle difficili condizioni. La nostra classe aveva 179 concorrenti divisi in tre batterie.

I Radial hanno concluso invece una sola prova poiché una nave alla fonda, essendo girato il vento, si era spostata ed era arrivata a meno di 30 metri dalla boa di bolina del campo A (dove regatavano Radial e Standard).

Il secondo giorno abbiamo aspettato più di due ore per poi veder uscire solo i Radial e gli Standard, e dopo tre ore dalla prevista partenza è salita l’intelligenza su A per la nostra categoria: tutto il giorno a terra. I Radial hanno invece portato a termine le tre prove previste per quel giorno.

Il terzo e ultimo giorno nessuno è partito: dopo aver rimandato la partenza di due ore, alle 12.30 è salita intelligenza su A: tutti a casa.

Mattia ha fatto una bella regata: ha concluso 19° in classifica generale posizionandosi 4/10/13/6 in batteria. Io invece, avendo regatato solo venerdì 26, ho raggiunto la 143° posizione alla mia prima Italia Cup e ne sono pienamente soddisfatto.

Questi quattro mesi di allenamento mi hanno aiutato molto ad affrontare nel modo giusto l’inizio della stagione di regate e sono carico e pronto per imparare ancora e regatare sotto il nome del CVI.

LASER

image_pdfimage_print